PORTOPALO: PRESENTATO IL MARCHIO TERRITORIALE DI QUALITA’ DEI DUE MARI

Questa notizia è stata letta 380 volte.

Presentato il “marchio territoriale dei due mari”. L’iniziativa, rientrante nei progetti del Gac dei due mari, si è svolta nell’aula consiliare del Comune di Portopalo alla presenza del sindaco del comune marinaro, Giuseppe Mirarchi, e dell’assessore del comune di Pozzallo, Giorgio Scarso. Sono intervenuti, inoltre, Paolo Giarletta e Piero Gianquinto, esperti di rilevazione e analisi dei dati, e Lorenzo Taccone, coordinatore dell’attività progettuale da cui è scaturita la realizzazione del marchio territoriale, inerente le realtà del settore ittico, agroalimentare, della ristorazione e ricettivo. “Si tratta di risvolti importanti per il nostro territorio – ha affermato il sindaco Giuseppe Mirarchi – per valorizzare un comprensorio che ha delle enormi potenzialità ancora da esprimere”. Si punta, con il marchio territoriale, a fare sistema. “E’ una strada quasi obbligata per affrontare meglio i mercati – ha affermato Lorenzo Taccone – e far si che si mettano in piedi circoli virtuosi, volano di crescita e sviluppo. Si punta a dare forza al territorio da un punto di vista economico e produttivo”. Il marchio territoriale diventa pertanto l’identità precisa del comprensorio, come ha sottolineato Piero Gianquinto. “Il fine è di migliorare la redditività delle imprese che aderiranno al marchio”, ha aggiunto Gianquinto. Di promozione del territorio, attraverso una conoscenza approfondita del tessuto imprenditoriale, evidenziando le eccellenze che insistono nel Sudest siciliano, a cavallo tra le province di Siracusa e Ragusa, ha parlato Paolo Giarletta, che ha presentato il marchio territoriale di qualità “dei due mari”. La sfida è soprattutto all’individualismo imperante, soprattutto nel settore ittico. “Gli operatori interessati non possono continuare ad agire in solitudine, non si va da nessuna parte in questo modo. – ha detto Giarletta – L’esempio virtuoso di quanto è stato fatto nel comprensorio della riviera dei ciclopi etnea può essere replicato anche qui, per allargare la stagione turistica e per dare un’identità ben precisa ai prodotti che escono da questo comprensorio”. L’obiettivo è di riuscire a gettare le basi per uniformare ciascuna tipicità in un Marchio unico e riconoscibile all’esterno, in rappresentanza delle singolarità di ciascuno di questi territori. La riconoscibilità di un territorio attraverso il proprio marchio come elemento fondamentale per il rilancio dell’economia e del turismo.

Questa notizia è stata letta 380 volte.

.....................................................................................
......................................................................................
......................................................................................

spazio-pubblicitario

......................................................................................
......................................................................................

Archivi